I primi 70 anni della CEDU. Il futuro di un modello di successo e la sfida sempre attuale della protezione dei diritti delle donne

I primi 70 anni della CEDU. Il futuro di un modello di successo e la sfida sempre attuale della protezione dei diritti delle donne

Venerdì 30 ottobre 2020, si è svolto il convegno on-line dal titolo “I primi 70 anni della Convenzione europea dei diritti umani. Il futuro di un modello di successo e la sfida sempre attuale della protezione dei diritti delle donne”.

Il convegno ha rappresentato un momento di riflessione per valutare il processo giuridico e l’evoluzione della tutela dei diritti umani, in specie delle donne, e le sfide future legate all’attuazione della Risoluzione 1325 (2000) e dell’Agenda Donne, Pace e Sicurezza.

L’incontro è stato aperto dagli interventi di Eugenio Gaudio, Magnifico Rettore della Sapienza Università di Roma; Tito Marci, Preside della Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione; Luca Scuccimarra, Direttore del Dipartimento di Scienze Politiche; Marina Sereni, Vice Ministra degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

La I Sessione “Un percorso giuridico iniziato a Roma nel 1950: ritorno al futuro della CEDU” è stato presieduto da Fausto Pocar, Presidente della Società Italiana di Diritto Internazionale e di Diritto dell’UE (SIDI), Professore Emerito di Diritto Internazionale, Università di Milano.

Durante la I sessione sono intervenuti: Robert Spano, Presidente della Corte Europea dei Diritti Umani; Sergio Marchisio, Professore di Diritto Internazionale, Sapienza Università di Roma; Beniamino Caravita di Toritto, Professore di Istituzioni di Diritto Pubblico, Sapienza Università di Roma; Carlo Curti Gialdino, Professore di Diritto dell’Unione Europea, Sapienza Università di Roma; Anton Giulio Lana, Presidente dell’Unione Forense per la Tutela dei Diritti Umani; Marta Cartabia, Professore di Diritto Costituzionale, Università Bocconi di Milano, Presidente Emerita della Corte Costituzionale.

La II Sessione “Il ruolo della giurisprudenza della Corte di Strasburgo nella protezione dei diritti delle donne” è stata presieduta da Claudio Zanghì, Professore Emerito di Diritto Internazionale, Sapienza Università di Roma. Sono intervenuti: Angela Di Stasi, Professore di Diritto Internazionale, Università di Salerno; Carmela Panella, Professore di Diritto Internazionale, Università di Messina; Pietro Pustorino, Professore di Diritto Internazionale, LUISS Guido Carli Università di Roma.

Il convegno è stato trasmesso sulla piattaforma Zoom

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *